The social Syster...because Social Loves Women 💕

10:48

THE SOCIAL SYSTER
Sarà vero che le donne sono più multimediali degli uomini?
O meglio “più connesse”, come suol dirsi…
Io sono una blogger, quindi l’uso dei social è a dir poco quotidiano, la mia categoria mangia pane e social, ma se prescindiamo il mio “ruolo” e parliamo non di me come blogger, ma solo di un’utente comune, una donna media, come si comporta in rete?
Come utilizza i social, che benefici ne trae, come fa rete con altre donne?
E’ a tal proposito che ho conosciuto il  progetto THE SOCIAL SYSTER, nato quasi per caso da un'esperienza personale di Veronica de Angelis.
Attenzione: “syster” non è un errore di battitura, è un neologismo, o un semplice gioco di parole, creato per fondere i termini “system + sister”
Ho conosciuto Veronica di recente e chiacchierare con lei di alcuni argomenti mi è parso quasi illuminante.
La passione di Veronica è la pittura, tanto  che tiene laboratori di pittura per adulti e bambini e qualche tempo fa, in cerca di ispirazione, ha lanciato una call su Instagram per trovare volti nuovi da ritrarre.
Beh, la risposta è stata assolutamente positiva, perchè il post, ha ricevuto  si dalle prime ore più di 30 candidature ed alla fine Veronica è riuscita a ritrarre 35 donne, che col tempo ha conosciuto  e da semplici followers sono diventate in un certo senso amiche.
A questo punto, si è chiesta:
“Cosa farò con tutti questi ritratti? Come posso  rendere omaggio a questi volti?”
Organizzando una mostra e poi creando un questionario online in cui chiedeva loro di rispondere a delle domande proprio sull'utilizzo dei social e sul loro risvolto nella vita reale.
Visti i risultati di questo sondaggio, Veronica decide di organizzare dopo la mostra, anche un dibattito sul tema dell'utilizzo positivo dei social.
Perchè oggi spesso i social vengono additati come una sorta di male sociale (gioco di parole un po' cacofonico, ma ammettiamo anche che a volte lo sono davvero, tra fake news, cyberbullismo, stalking  mediatico ecc.), ma questa iniziativa voleva sottolineare come le donne, proprio grazie ai social, possono riuscire a fare rete e sostenere progetti dedicati proprio a loro.
Quindi Veronica ha messo su un vero e proprio staff composto da volontarie (raccogliendo adesioni proprio tra le tante followers del progetto) ed insieme hanno dato vita ad una pagina Facebook e ad un profilo Instagram che giorno per giorno affrontano gratuitamente tematiche di interesse sociale che riguardano le donne.
Nasce così SOCIAL LOVES WOMEN, una Raccolta Fondi creata assieme alla Fondazione Archè attraverso percorsi di prossimità.
“Il progetto vuole dare risposta a bisogni specifici espressi dalle mamme, accompagnandole e sostenendole in diversi momenti di inserimento sociale e lavorativo come l’accesso ai servizi sanitari e sociali territoriali, lo svolgimento delle pratiche burocratiche; l’apprendimento della lingua italiana, l’individuazione di contesti di socializzazione.”
COSA SONO I PERCORSI DI PROSSIMITA'?
E’ ciò che fanno i volontari di Archè per aiutare le madri in difficoltà a risolvere i problemi, cercando anche di porsi come acceleratori di potenzialità. Sono sostanzialmente buone azioni, piccole o grandi: credo che sia  sostanzialmente il concetto evangelico di prossimo.
CHI SONO LE BENEFICIARIE?
Fondamentalmente quelle madri che si trovano in difficoltà vivendo situazioni di disagio sociale o di fragilità personale e/o familiare, incontrate nello Spazio Neonato Famiglia dell’Ospedale San Camillo Forlanini di Roma.
QUALE PUO’ ESSERE L’IMPATTO SOCIALE?
Obiettivi  che possono sembrare semplici, elementari o addirittura scontati per la maggior parte di noi, come prendere la patente (=coprire i costi e affiancare le donne nella preparazione all’esame), imparare l’italiano (= organizzazione di corsi di italiano individuali in cui sia possibile la presenza anche del bambino) o riqualificarsi professionalmente (offrendo corsi di formazione per agevolare l’inserimento lavorativo)

SAVE THE DATE
Il 21 settembre 2018 si celebra la Giornata internazionale per la pace e proprio in coincidenza con questo evento, il progetto THE SOCIAL SYSTER si concluderà con una mostra dibattito a Roma presso la Casa Internazionale delle Donne.
Interverranno al dibattito alcune delle donne ritratte per portare la loro testimonianza,  ma anche psicologhe che affronteranno la tematica da un punto di vista diverso, oltre che Social media manager ed influencer.

Durante la serata, saranno mostrati i risultati della raccolta fondi e che si concluderà con un'asta di beneficenza con i ritratti stessi e con alcune creazioni di makers e creatrive sostenibili che hanno donato alcuni loro pezzi unici.
Se sarete a Roma in quel periodo, vi invito a partecipare all’evento e comunque, se anche non poteste per ragioni logistiche (io per esempio abito a circa 700 km, non credo di riuscire a partecipare fisicamente), vi lascio il link della raccolta fondi per l’evento SOCIAL LOVES WOMEN, che anzi vi invito a condividere tra i vostri contatti.
Siamo donne, impariamo ad essere solidali tra di noi 💕

stampa la pagina

You Might Also Like

4 commenti

  1. Davvero bellissima questa iniziativa io sono super social e devo dire che si di cose brutte e cattivo uso ce n'è ma anche belle persone e ottime iniziative come Questa!

    RispondiElimina
  2. come si dice da cos nasce cosa, mi piace molto questa iniziativa complementi dedicata all'emisfero femminile..... Un'iniziativa assolutamente da condividere

    RispondiElimina
  3. Bellissima questa iniziativa, spero di riuscire a passarci a Roma, sarei davvero felice di partecipare ^^

    RispondiElimina
  4. Bellissima questa iniziativa, complimenti! Peccato che è troppo lontano, mi sarebbe piaciuto partecipare alla mostra.

    RispondiElimina

Inviando il commento, accetti la POLITICA PER LA PRIVACY

Conformemente alla normativa attuale per la privacy (GDPR), ricordo che da parte dei visitatori è possibile tanto commentare scegliendo di usare un account sulla piattaforma google disponibile nel form, quanto scegliere di non lasciare alcun dato evidente utilizzando l'opzione ANONIMO o l'opzione URL/NOME nella quale si può anche indicare solo un nome (reale o di fantasia) senza indicare alcun URL
In nessun caso i dati dei visitatori saranno divulgati o venduti a terzi

Follow me on Twitter

Like us on Facebook