Lettori fissi

venerdì 20 dicembre 2013

Buchteln all'albicocca...un po' di Sud-Tirol sulla mia tavola :-)

Vi ricorderete forse che qualche settimana fa vi avevo promesso (per la precisione QUI) la ricettina di una golosità cui vi avevo momentaneamente mostrato solo le foto, rimandando ad un prossimo post i dettagli.

Aggiungi didascalia
Azzardo un nome per queste brioches che non corrisponde a quello ufficiale, ovvero li chiamo affettuosamente Buchteln come un delizioso dolce dell’Alto Adige,  molto simile a quello che vi sto presentando.

In verità la ricetta è mia, inventata di sana pianta, dopo aver effettuato diversi tentativi per trovare le proporzioni perfette per del pan brioche da farcire, ma buonissimo anche vuoto, solo spolverato di zucchero a velo.

Ebbene il momento è giunto, prendete carta e penna (o almeno salvatevi questo post nei preferiti).

Allora prendete:

il lievito al centro
Prendete una terrina piuttosto capiente e mettetevi sul fondo il sale e lo zucchero (perchè non siano a contatto diretto con il lievito poi), versatevi sopra la farina, poi fate un piccolo cratere in cima dove spezzetterete il lievito.

latte tiepido per sciogliere il lievito
Ai lati mettete il burro ammorbidito a fiocchetti, poi versate a filo il latte tiepido direttamente sul lievito che con le mani farete sciogliere.
Man mano che versate il latte, richiamate con le mani la farina ed il burro, fino a che l’impasto sarà uniforme.

con due dita lavorare a spirale
E’ meno difficile di quanto si pensi, basta in pratica creare un vortice (o una spirale che dir si voglia) con gli ingredienti, girando in tondo con le dita dal centro (cioè partendo dal lievito sciolto nel latte), allargandosi man mano verso i lati (farina e burro), gli ingredienti si assorbiranno automaticamente un po’ per volta.

si stacca dalle pareti...siamo pronti
Bastano solo pochi muniti, non credete sia necessario impastare fino allo sfinimento o di doversi necessariamente affidare ad una impastatrice.
Quando noterete che l'impasto si stacca dalle pareti della terrina da sè (se questo non accadesse, aggiustare leggermente la dose con la farina: a volte può succedere che la proporzione non sia rispettata alla perfezione a causa dei bicchieri...in che senso? Che non tutti i bicchieri hanno le stesse dimensioni), trasferite l’impasto su un piano da lavoro e continuate a lavorare con le mani per poco tempo.

l'impasto

Se avrete impastato bene, noterete che sin da subito non si attacca al tavolo, anche senza infarinare il piano preventivamente.

le pagnottelle



Ora munitevi di bilancia e dividete l’impasto in palline di ugual peso.
Non tralasciate questo passaggio, perchè pesi diversi possono richiedere cotture diverse e ne deriverebbero brioches ben cotte miste a crude o bruciacchiate.
Chiaro che non cambiano 2 gr in più o in meno, ma su queste dosi 20 grammi fanno la differenza eccome.
Per esempio, questo impasto è la dose ideale per 7-8 buchteln a seconda che vi piacciano più grandi o più piccini.

Divise le dosi, lavorate con le mani per creare delle palline, poi sul piano di lavoro, schiacciatele e date loro una forma tondeggiante.

il procedimento per ripiegare i buchteln
Al centro di ogni pallina, mettete un cucchiaino di confettura di albicocche (non di più o tracimerà) e poi (guardate le foto) ripiegate i quattro angoli (se di angoli si può parlare essendo tonde) su se stessi.

nella teglia già lievitati
Ribaltate il buchteln così preparato su se stesso (ovvero mettete la parte piegata sotto), spennellate la superficie con un po’ di marmellata di albicocche (che ne luciderà gradevolmente  la superficie) e riponete direttamente in una teglia antiaderente a lievitare in luogo caldo e asciutto per 2-3 ore (il tempo dipenderà dalla temperatura che avete in casa).
Attenzione a questa fase perchè i buchteln sono molto delicati e sbatacchiarli equivale ad afflosciarli, interrompendo la lievitazione (=tempo, denaro e fatica persi).
Quindi riponeteli delicatamente in un luogo sicuro e non toccateli più fino a lievitazione avvenuta (il loro volume deve almeno triplicare).

appena sfornati
Dopo di che, sollevate la teglia (sempre più delicatamente) e riponetela in forno già caldo a 170°-180° (a seconda che sia ventilato o meno) e cuocete per 8-10 minuti circa, finchè non li vedrete ben dorati e gonfi, SENZA APRIRE MAI IL FORNO per verificarne la cottura.

Quando il timer del forno vi darà l’ok, spegnete SENZA SFORNARLI SUBITO (o rischiate di farne pizzette moscie) e lasciate che la cottura continui a forno spento per alcuni minuti...il tempo di assestarsi bene e poi potrete sfornarli e ammirarli in tutto il loro splendore.

 con lo zucchero a velo
Non mangiateli bollenti, non li gustereste al meglio (ma è così per  più o meno tutti i dolci, no?), ma aspettate che si intiepidiscano, spolverizzate la superficie con abbondante zucchero a velo e buon appetito...magari gustateli accompagnati da un buon tè caldo.
Vi ricordo che non sono brioche confezionate, non conservateli per il giorno dopo...sì, sono commestibili, è ovvio, ma il sapore non è neanche paragonabile: vanno mangiati entro qualche ora dalla cottura per goderne al meglio.

il buchteln pronto da mangiare
N.B. L’ultima volta qualcuno -guardando la foto- ha parlato di treccia di pan brioche…no, sono solo le pagnottelle ben lievitate che aumentano tanto di volume da avvicinarsi molto l’una all’altra fino a sembrare un impasto unico.

la marmellata...
Come vedete però, l’effetto è piacevole anche alla vista...ma sapeste al gusto!!!






59 commenti:

  1. l'albicocca non mi fa impazzire, personalmente gradisco di più le marmellate/confetture scure, ma per stavolta non sto a sottilizzare più di tanto. Un bel dolcetto assieme a un caffè ora ci starebbe benissimo.

    RispondiElimina
  2. Mi sento molto goloso in questo momento e il tuo dolce sud-tirolese mi mette grande langorino. Molto bello a vedersi e immagino il profumo e la morbidezza. L'albicocca mi garba tanto.. passo dopo pranzo che mi offri caffè e dolcetto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora ti aspetto, signor gattone...

      Elimina
  3. mmmm questo è un classico che mi piace sempre!!! ottimo anche in versione salata!!! bravissima :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai che non l'ho mai assaggiato salato? :-)

      Elimina
  4. adoro l'albicocca e queste pagnottelle hanno davvero un buonissimo aspetto

    RispondiElimina
  5. Che brava!!! Hai inventato tu una ricettina!!! Grazie per averla condivisa sul tuo blog e sembra davvero invitante e magari proverò a realizzarli!!! Grazie ^_^

    RispondiElimina
  6. che ricetta carina. la devo assolutamente provare

    RispondiElimina
  7. ciao complimenti per la ricetta, queste brioches hanno un aspetto davvero invitante, con la confettura lazzaris poi saranno ancora più buone, proverò a prepararle anche io... bacioni :)

    RispondiElimina
  8. Grande ricetta, certamente morbida e gustosa al palato, alla vista ed al tatto. Copiare subito!!!!!!! Complimenti

    RispondiElimina
  9. complimenti, questo dolce ti è venuto perfetto, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  10. Che golosita questo buchteln, sembra una bonta! Devo provare la ricetta, non conoscevo questo dolce!

    RispondiElimina
  11. Mamma mia anche solo in foto danno l'idea di essere sofficissimi, sei davvero brava!

    RispondiElimina
  12. Che golosità mi segno la ricetta dei tuoi buchteln ,hanno un aspetto fragrante e soffice :) davvero complimenti :)

    RispondiElimina
  13. Molto buone le tue brioche, devono essere proprio deliziose, complimenti e grazie della bella ricetta, le voglio provare!

    RispondiElimina
  14. che goloso il tuo dolce, sai assomiglia molto al Danubio che io faccio sempre, buonissimo riscaldato la mattina per colazione, per iniziare la giornata con gusto!

    RispondiElimina
  15. Buchteln all'albicocca mai sentito parlare di questo dolce, ma solo alla vista sembra soffice e buonoooooo.. mi sa lo replico per qualche festa!

    RispondiElimina
  16. Le ricette tipiche mi hanno sempre affascinato, ma questa la trovo deliziosa e sorprendente! La morbidezza dell'impasto mi rende già l'idea della bontà di questo dolce del su tirol.

    RispondiElimina
  17. Veramente bello da vedersi e sicuramente buono da mangiare grazie per averci suggerito questa ricetta tipica che non conoscevo

    RispondiElimina
  18. Praticamente è un pane dolce con ripieno alla marmellata, direi gudurioso!!! Mi piace molto questa ricetta, bravissima!!!

    RispondiElimina
  19. ricordo quel post...questo dolce ha un aspetto delizioso...ti rubo la ricetta...

    RispondiElimina
  20. mettiamola cosi',chiamala pure come vuoi io mi offro come cavia per assaggiarla:)

    RispondiElimina
  21. lievitazione perfetta..che risultato..fa venir voglia di mangiarlo..chissà che bontà

    RispondiElimina
  22. si vede che il Sud Tirol ti è rimasto nel cuore! Non conoscevo questa ricetta ma solo a vederla mi è venuta voglia di assaggiarla....prendo nota di tutto e ci provo!

    RispondiElimina
  23. complimenti perchè questi buchteln sembrano perfetti! li ho mangiati quando sono stata in montagna da quelle parti anni fa ma non ho mai provato a fari a casa.....chissà se ne sarei capace.....per ora mi scrivo la ricetta....

    RispondiElimina
  24. Complimenti questo dolce è davvero invitante , chissà se ci riuscirò a farne uno uguale! voglio provarlo con la nutella.

    RispondiElimina
  25. che aspetto goloso che ha!! complimenti!
    Annalisa
    ♥ ♥ ♥ ♥ ♥
    http://provarepercomprare.blogspot.it/
    http://dolcicreazionidiannalisa.blogspot.it/

    RispondiElimina
  26. Che meraviglia!!! Io non sono molto brava con i dolci, ma voglio provare a replicarlo. Pensi che verrà buono anche usando confettura di altro gusto?

    RispondiElimina
  27. omiodioo che bontààà copierò questa ricettaa

    dario fattore - whosdaf

    RispondiElimina
  28. che bello che è questo dolce...deve esser anche super buonissimo!

    RispondiElimina
  29. Ma che bel dolce hai fatto, Miss! Sai che non conoscevo il buchteln? Vien voglia di provare a farlo. ^__^ Kiss

    RispondiElimina
  30. Che delizia i dolci che hai preparato con ingredienti ottimi, bravissima e grazie della ricetta ci provo anche io.

    RispondiElimina
  31. che bel dolce deve essere buonissimo in più io adoro l'albicocca... devo provare a farlo! bravissima! She Mars

    RispondiElimina
  32. Avevo già letto il tuo articolo riguardo le mostarde e visto un'anteprima sulle brioche, attendevo con estrema curiosità la ricetta. Più che altro non riuscivo a spiegarmi la forma, meravigliosa nel risultato finale con la spolverata di zucchero a velo! Prendo appunti sul mio nuovo ricettario "Buchteln all'albicocca" by Life Style '99. :)

    RispondiElimina
  33. che bontà questo dolce.....sembra facile anche da realizzare.....provero' a farlo per le feste che arrivano,.....speriamo di riuscirci!

    RispondiElimina
  34. Che meraviglia! In effetti la forma ricordava molto una treccia, non avrei mai pensato fossero tante pagnottelle. L'effetto finale è davvero bello, chissà che buone! Complimenti per la creatività, non mancherò di replicarle!

    RispondiElimina
  35. Una ricetta completamente reinterpretata, anzi, inventata di sana pianta e pubblicata solo per noi..che meraviglia! Super complimenti! L'aspetto è davvero invitante e goloso. Chissà che profumo e che gusto queste brioche! Tra l'altro io adoro la confettura di albicocche! Prendo appunti!

    RispondiElimina
  36. Delizioso questo buchteln mi ispira molto, semplice e gustoso con la confettura Lazzaris

    RispondiElimina
  37. Che ricetta invitantissima e golosa! Domani pomeriggio abbiamo ospiti per merenda! Sono certa che replicando la tua ricetta farò un successone!

    RispondiElimina
  38. mio marito fa qualcosa di simile ma salato, si chiama danubio. è bellissima l'idea di farlo in versione dolce ed io amo molto l'albicocca!

    RispondiElimina
  39. non conoscevo questo dolce, ma mi incuriosisce parecchio, vorrei tanto provarlo...sembra una nuvola soffice e golosissima!

    RispondiElimina
  40. Ma che brava,complimenti...ti rubo la ricetta ;)

    RispondiElimina
  41. che bella ricetta, domani le preparo anche io

    RispondiElimina
  42. Non conoscevo il nome ne il dolce... ma lo trovo strepitoso!!! Io amo i dolci con le confetture e con la frutta in genere, Vorrei provarlo, spero mi venga bello come il tuo. Complimenti davvero!!

    RispondiElimina
  43. Bellissimo e anche buonissimo questo dolce e deve essere ache tanto soffice..poi con la marmellata di albicocche ancora piu' goloso..mi sono segnata la ricetta perchè voglio provare a rifarlo molto presto!!! tantissimi complimenti a te!!!

    RispondiElimina
  44. Questo dolce proprio non lo conoscevo,direi ottimi gli ingredienti così come il risultato,pensa l'albiccocca è la marmellata che adora mio marito.Prendo nota della ricetta ,perchè è una valida e sana alternativa alle merendine confezionate.

    RispondiElimina
  45. complimenti.. mi fa tornare in mente DOBBIACO dove sono stata questa estate.. un bacino

    RispondiElimina
  46. che spettacolo queste brioches, poi le marmellate Lazzaris sono davvero ottime! dovrò provare la tua ricetta, bravissima!

    RispondiElimina
  47. Tutto ottimo e complimenti, hai preparato un bel dolce con una marmellata che è buonissima

    RispondiElimina
  48. Ok ricetta salvata da fare al più presto, sarà dura dover aspettare che raffreddi prima di assaggiarla ( sempre se riesco a farla venire buona e bella come la tua!) grazieeee

    RispondiElimina
  49. Una bellissima esperienza per la vista, altrettanto buona sarà da mangiare. Grazie per la ricettina.

    RispondiElimina
  50. Ho letto tutta la ricetta con la massima attenzione *_* grazie alla tua spiegazione dettagliatissima e alle tue dritte mi hai convinto a provare a realizzare questi bocconcini prelibati!
    Non oso immaginare quanto siano buoni, si vede che sono soffici soffici!
    Poi con il ripieno di confettura Lazzaris dev'essere proprio il massimo *_*
    Bravissima, mi salvo la ricetta!

    RispondiElimina
  51. alfredo filangeri22 dicembre 2013 07:37

    una ricetta golosa utilizzando prodotti naturali .una merenda sana e gustosa.di certo a casa mia andrebbe davvero a ruba

    RispondiElimina
  52. Il mio dolce preferito! brava! complimenti

    RispondiElimina
  53. non conoscevo questo dolce ma dev'essere buonissimo! l'aspetto poi è davvero bello e portarlo in tavola cosi' si fa anche una bella figura con gli ospiti! prendo nota.....la marmellata della Lazzaris la comprero'!

    RispondiElimina
  54. Sembrano deliziosi. Bravissima

    RispondiElimina
  55. I've read sevеral good stuff here. Certainly wоrth bookmarkіng
    for reѵisiting. I surpгise how much attempt you set to make one of these wonderful informаtive
    sіte.

    My website newsmax

    RispondiElimina
  56. Sei stata davvero bravissima complimenti per la ricetta, le brioches hanno un aspetto invitante,

    RispondiElimina
  57. Complimenti cara mi piace moltissimo la forma di questo dolce sembra una grande spiga di grano, davvero deliziosa poi con la marmellata sicuramente una sublime bontà.

    RispondiElimina

Lasciatemi un commento, se vi va: sarà sempre gradito...
Cercherò sempre di rispondere alle vostre domande ^_^