Scegliere lo shampoo antiforfora: alcuni utili consigli - Life Style '99

Scegliere lo shampoo antiforfora: alcuni utili consigli

martedì, maggio 11, 2021

Sono sempre di più coloro che si trovano ad affrontare un problema assai frequente, ovvero la forfora. Bisogna ben conoscere le caratteristiche dei vari prodotti da applicare sul cuoio capelluto per essere certi di sfruttare delle soluzioni idonee. 
Ecco perciò qualche utile indicazione per essere sicuri di non commettere errori e scegliere lo shampoo ideale per contrastare la forfora.

Scegliere lo shampoo antiforfora: alcuni utili consigli

Forfora: di cosa si tratta?

Quando si parla di forfora o pitiriasi, si fa riferimento ad un'alterazione del cuoio capelluto alquanto diffusa. Nel corso del tempo è diventato un problema molto diffuso e che riguarda allo stesso modo sia uomini che donne. Questa può provocare disagio, a maggior ragione quando ci si trova ad avere a che fare con altre persone. 
Ecco perché tutti coloro che ne soffrono vanno sempre alla ricerca di prodotti idonei, su tutti gli shampoo che possano trattare in maniera adeguata questo disturbo. Il motivo che determina la formazione della forfora è la desquamazione della pelle: questa, in determinate condizioni di stress proveniente sia da agenti esterni che da agenti chimici, comporta che si formino delle vere e proprie scaglie biancastre. Queste, soprattutto nella fase iniziale, potrebbero diventare alquanto evidenti tra i capelli, ma col passare del tempo potrebbero anche rimanere attaccate agli indumenti. Si capisce facilmente il motivo per cui la forfora può diventare un autentico problema sociale per molte persone che vogliono provare a risolvere il problema. 
Va anche considerato che molto può dipendere anche dal tipo di pelle della persona: ci sono coloro che hanno una pelle grassa, che tende a produrre una quantità di sebo decisamente maggiore. In questo caso, perciò, si parla di forfora grassa. Mentre quella secca è frequente in quelle persone che presentano cute e cuoio capelluto secchi, con particolare necessità di idratazione. In questi casi, oltre alla formazione di queste scaglie di colore biancastro, potrebbero manifestarsi anche altri segni evidenti, su tutti prurito e irritazione. In ogni caso, così come sottolineano alcuni esperti della redazione di mondocapelli.eu, trovare la giusta soluzione contro la forfora è possibile: diventa fondamentale conoscere alcuni componenti presenti negli shampoo più diffusi in commercio.

I rimedi: gli shampoo antiforfora

La forfora, dunque, può diventare un problema estetico da non sottovalutare, anche da un punto di vista prettamente sociale. Infatti, molti potrebbero vederlo come segno di una scarsa cura del proprio igiene, e ciò inevitabilmente può dare origine a imbarazzo. Ecco perché, la prima cosa che bisogna fare per rimediare a questo problema alquanto diffuso è quella di prendersi cura dei propri capelli: la detersione quotidiana, o comunque abbastanza regolare nell'arco della settimana, riveste un ruolo cruciale. Appare quindi evidente come uno shampoo antiforfora specifico possa diventare un grande aiuto per chi deve affrontare un disturbo cutaneo del genere. 
In commercio si possono trovare diversi tipi di prodotti, dermatologicamente studiati, e che vanno a ridurre i sintomi associati alla presenza di forfora - tra cui secchezza e desquamazione, oltre al prurito. La funzione di formulazioni del genere è quella di idratare bene il cuoio capelluto. Tuttavia, proprio a causa di un ventaglio di scelta davvero molto ampio, potrebbe non essere affatto semplice trovare la soluzione migliore per lo shampoo con cui trattare la propria forfora.

Scegliere lo shampoo antiforfora

Indicazioni utili per la scelta dello shampoo antiforfora

La prima cosa che bisogna ben analizzare quando ci si mette alla ricerca di uno shampoo antiforfora è comprendere le cause che ne hanno determinato la formazione. Mai sottovalutare questo aspetto, in quanto ogni prodotto dovrà adeguarsi alla tipologia di cuoio capelluto e di capelli su cui va ad agire.
D'altronde, è bene evidenziare che la forfora si può formare per via di diversi fattori, come la presenza di sebo sul cuoio capelluto o anche un cuoio capelluto particolarmente sensibile. Fino a dover considerare la presenza della Malassezia globosa, ovvero un microrganismo che trova il suo habitat proprio nella cute dove scompone il sebo: questo è la causa di una notevole irritazione, soprattutto in quelle persone che presentano una cute sensibile. Altra caratteristica molto importante è il pH neutro, per evitare che possa risultare troppo aggressivo ed esporre la pelle a dei rischi. 
Combattere un'alterazione del cuoio capelluto come la forfora è assolutamente possibile, la cosa importante è scegliere formulazioni specifiche. Lo shampoo antiforfora ideale deve avere ingredienti che svolgano una buona azione idratante e lenitiva, oltre che antimicotica.

Quali ingredienti per uno shampoo antiforfora?

Ci sono alcuni principi attivi che, se presenti nell'INCI di uno shampoo, ovvero in quella che è la lista dei suoi ingredienti, possono avere un'azione decisamente positiva. Leggendo attentamente la scheda tecnica di uno shampoo si possono conoscere le caratteristiche e soprattutto la sua azione sul cuoio capelluto. 
Volendo parlare di quelli che sono alcuni ingredienti che vale la pena conoscere quando si parla di shampoo contro la forfora, eccone alcuni che sono molto interessanti.

Scegliere lo shampoo antiforfora

Solfuro di selenio

Noto anche con la dicitura chimica Selenium Sulfide. Molto famoso soprattutto per essere un prodotto antifungino naturale. Riesce a ridurre molto bene il prurito e, grazie alla sua azione molto potente, viene frequentemente usato nella formulazione di detergenti per il cuoio capelluto. Si trova anche in prodotti per uso cutaneo idonei per chi ha la dermatite seborroica.

Zinco Piritione

Questo è un agente antiforfora molto utilizzato negli shampoo in quanto ha un'azione mirata contro le micosi del cuoio capelluto. Questo lo rende uno degli ingredienti migliori per chi è alla ricerca di un prodotto che possa ben contrastare la forfora. Riduce molto bene la formazione e anche lo sviluppo dei funghi (miceti), oltre ad agire positivamente contro la produzione in eccesso di sebo.

Piroctone olamina

In questo caso si parla di una molecola antibatterica molto utile. Soprattutto perché funziona particolarmente bene contro alcune tipologie di problematiche cutanee. Impiegato per lo più a basse concentrazioni, per cui non si trova certo negli ingredienti prioritari di uno shampoo antiforfora. Resta comunque indicato per questo tipo di problematica cutanea.

Bardana

Questo ingrediente naturale funzione come antinfiammatorio, oltre che come antibatterico. Consigliato in quanto riesce a garantire una risoluzione del problema senza dare origine ad alcun tipo di irritazione. Indicato anche per quel che concerne l'eccessiva produzione di sebo.

Eucalipto

Un'altra sostanza completamente naturale, capace di agire molto bene sia sul prurito che sull'irritazione. In particolare, l'eucalipto riesce a garantire un piacevole senso di freschezza nella zona dove vi è il problema della forfora.

Tea tree oil

Particolarmente impiegato nelle creme per uso cutaneo, un vero e proprio alleato di bellezza. E questo lo si deve alla sua capacità di agire come antimicrobico naturale: efficiente nell'eliminazione delle impurità di vario genere dal cuoio capelluto.

Estratto di ortica

Si trova all'interno di diversi tipi di shampoo attualmente in commercio. Presenta delle ottime proprietà astringenti e idratanti, indicato soprattutto per andare a purificare la pelle e i capelli. Questo tipo di sostanza naturale va ad agire bene soprattutto quando il cuoio capelluto è interessato da una secrezione di sebo eccessiva che potrebbe favorire la formazione di forfora (grassa).

Estratto di limone

Anche in questo caso si parla di un prodotto totalmente naturale e che non determina problemi. Toccasana sia per la pelle che per i capelli, grazie alle sue proprietà purificanti e astringenti. Va comunque sottolineato che per avere dei capelli sempre puliti e un cuoio capelluto ben idratato, non bisogna sottovalutare la composizione di uno shampoo. Una formulazione con principi attivi idonei permetterà di avere una duplice azione, sia per l'infiammazione che per bloccare la formazione di microbi. E tutto ciò permetterà di gestire al meglio sintomi come secchezza della cute e desquamazione, oltre a quel fastidioso prurito, diffuso in chi soffre di forfora nei capelli.

stampa la pagina

You Might Also Like

0 commenti

Inviando il commento, accetti la POLITICA PER LA PRIVACY

Per ricevere le notifiche di risposta al vostro commento, basta cliccare sulla spunta "Inviami notifiche"
Conformemente alla normativa attuale per la privacy (GDPR), ricordo che da parte dei visitatori è possibile tanto commentare scegliendo di usare un account sulla piattaforma google disponibile nel form, quanto scegliere di non lasciare alcun dato evidente utilizzando l'opzione ANONIMO oppure l'opzione URL/NOME nella quale si può indicare un nome (reale o di fantasia) anche senza indicare alcun URL
In nessun caso i dati dei visitatori saranno divulgati nè ceduti o venduti a terzi.

Follow me on Twitter

Like me on Facebook

google.com, pub-4122676032481593, DIRECT, f08c47fec0942fa0