I vini della Toscana: il tripudio dei rossi

08:10


La Toscana è una delle principali Regioni vinicole italiane. Si tratta anche di una delle zone in cui sono presenti alcune tra le cantine più prestigiose di tutta la Penisola, grazie al fatto che proprio in Toscana si coltivano alcuni tra i vitigni più pregiati d’Italia, da un lungo periodo di tempo.
Proprio per questo, i vini pregiati della Toscana sono numerosi e prodotti in ampie zone della Regione. Ovviamente non tutti i vini toscani sono uguali tra loro, sono presenti alcune eccellenze, ben note e conosciute in tutto il mondo.
In questa Regione si coltivano alcuni tra i migliori vini rossi d’Italia, ma sono presenti anche ottime uve a bacca bianca.


vigneti toscana

Le uve coltivate in Toscana
Sono molte le varietà di vite coltivate in questa Regione. Si deve anche considerare che, dopo una lunga pausa nel corso di buona parte del Medioevo, ormai sin dal 1300 in questa Regione italiana si coltiva il vino.

Tra le uve a bacca rossa, sicuramente un posto d’onore lo occupa il Sangiovese, per altro chiamato con diversi nomi vernacolari a seconda della zona. Sono poi presenti vigneti a Cabernet, Canaiolo, Aleatico, Barbera, Pinot nero, Vermentino nero.
Per quanto riguarda le uve a bacca bianca, troviamo viti di vernaccia, Malvasia, Moscato, Pinot bianco, Trebbiano, Chardonnay. A questi nomi più noti si aggiungono una serie di vigneti che hanno nel tempo assunto nomi creati nella zona di coltivazione, in alcuni casi coltivati solo in appezzamenti ridotti.

vigneti toscana

Le zone del vino in Toscana
Oltre ai vitigni, sono particolarmente note alcune zone della Toscana vocate da secoli alla coltivazione della vite.

La principale è sicuramente il Chianti, tanto che spesso tale termine viene utilizzato per appellare il vino toscano in generale. Il Chianti si estende nella zona tra Arezzo, Firenze, Siena, Pisa, Pistoia e Prato.
Si deve comunque considerare che nella Regione sono presenti ben 11 vini DOCG e 37 DOC, stiamo quindi parlando di una zona in cui il vino è spesso di elevata qualità. Oltre al Chianti, molto noto è il Brunello, il Morellino di Scansano, il Vino Nobile di Montepulciano, il Carmignano.
Nella zona di Livorno, particolarmente noto è il Bolgheri, che raccoglie più di 7 DOC; il Capalbio si coltiva nella zona di Grosseto, così come particolarmente noti sono i vini coltivati in provincia di Lucca. Si parla di oltre 60.000 ettari coltivati a vite, con una forte preponderanza di prodotti fortemente tipicizzati e di elevata qualità.

vigneti toscana
La cantina di vini toscani
La Toscana offre una così ampia variabilità nella scelta di vini che per un appassionato è possibile dare vita ad una cantina variegata, costituita da soli vini provenienti da questa regione.

Tra questi spiccano sicuramente il Brunello di Montalcino, il Chianti, nelle sue diverse declinazioni più alcuni vini provenienti dalle cose sferzate dalla brezza marina.
Tra i bianchi sono di particolare qualità la Malvasia, il Sauvignon delle Colline Lucchesi, così come il Vermentino della medesima zona. L'Aleatico dell’Elba è apprezzabile da chi ama particolarmente abbinare il vino ai piatti a base di pesce.
vigneti toscana


stampa la pagina

You Might Also Like

12 commenti

  1. Mi reco spesso in Toscana ed in effetti, oltre alle meraviglie architettoniche ed artistiche, si mangia divinamente bene e si degustano i vini migliori del mondo.
    Ogni volta che ripartiamo, nella valigia abbiamo un Brunello da degustare poi a casa nostra ��

    RispondiElimina
  2. Ho abitato per due anni a Siena e credimi, il vino toscano non smetteva mai di stupirmi.
    Si deve sottolineare però che il vino migliore non si compra al supermercato o peggio al discount.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente d'accordo, noi abbiamo la buona abitudine di prenderlo in enoteca,ma bisogna anche ammettere che alcuni supermercati hanno un reparto vini all'altezza di un'enoteca

      Elimina
  3. Io in genere mi oriento sui vini della Franciacorta o della Valtellina perché li conosco meglio
    e mi è più facile reperirli direttamente nelle cantine, però i bianchi che hai citato ho avuto modo di assaggiarli più volte e li ho trovati ottimi :-)

    RispondiElimina
  4. Mai assaggiato il vino della Toscana ma tu mi hai incuriosita provvedo subito a farlo

    RispondiElimina
  5. Che posti bellissimi. mi piacerebbe davvero farci un giro. chissà prima o poi

    RispondiElimina
  6. i vini toscani io li adoro, soprattutto i rossi. E' uno dei motivi per i quali vado spesso in Toscana..... si mangia e si beve molto bene....

    RispondiElimina
  7. Mia sorella abita in toscana e spesso quando viene da noi porta il vino toscano davvero buonissimo

    RispondiElimina
  8. adoro i vini toscani,li trovo i migliori in italia...e quando vado in toscana ne acquisto un pò

    RispondiElimina
  9. La Toscana è terra ricca e generosa e produce vini di qualità superiore; spesso il vino toscano accompagna il nostro pranzo della domenica. Leggevo sopra i commenti e concordo sul fatto che i vini buoni si comprano in enoteca o direttamente dalle cantine, ma come giusto osservi, alcuni supermercati hanno il reparto dedicato ai vini assolutamente all'altezza dell'enoteca... lo è, infatti, il super dove faccio la spesa, davvero fornitissimo con vasta scelta di vini rinomati.

    RispondiElimina
  10. Della Toscana in effetti amo vini e cucina, eccellenza nel panorama nazionale. Questa caratteristica è un valido incentivo a tornarvi sempre volentieri e ad organizzare un tour enogastronomico ad esempio nel Chianti.

    RispondiElimina
  11. In un luogo tanto incantevole non può che crescere dell'ottima uva per vini pregiati.

    RispondiElimina

Inviando il commento, accetti la POLITICA PER LA PRIVACY

Conformemente alla normativa attuale per la privacy (GDPR), ricordo che da parte dei visitatori è possibile tanto commentare scegliendo di usare un account sulla piattaforma google disponibile nel form, quanto scegliere di non lasciare alcun dato evidente utilizzando l'opzione ANONIMO o l'opzione URL/NOME nella quale si può anche indicare solo un nome (reale o di fantasia) senza indicare alcun URL
In nessun caso i dati dei visitatori saranno divulgati o venduti a terzi.

Follow me on Twitter

Like us on Facebook