Piastra ceramica e tormalina elehot

18:11

Ogni tanto mi cimento con voi in un settore diverso dal solito.

Non troppo diverso in verità, so che a livello statistico la maggior parte dei miei lettori si sofferma nel settore “bellezza” di Life Style ‘99, ma nello specifico oggi non vi parlerò di cosmesi ma di uno strumento elettronico per la cura dei capelli.

Qualche volta mi faccio prendere dall’entusiasmo nello shopping online, stavolta semplicemente cercavo un regalo utile per mia madre che ha capelli difficilissimi (lo ha ammesso qualunque parrucchiere abbia avuto a che fare con la sua foltissima chioma ramata).

Dopo averci rimuginato su, ho optato per una nuova piastra lisciante, assodato che mia madre ha capelli molto spessi oltre che folti, particolarmente difficili da gestire solo con spazzola e phon. 

E siccome -ammettiamolo pure- non è propriamente una maga dell’elettronica (per intenderci usa un telefonino anni ‘50 -come lei- e non ha imparato a usare un semplice lettore DVD finchè i nipotini non le hanno insegnato...cosa non si fa per i nipoti), ho cercato qualcosa che fosse non solo efficace sul suo parruccone, ma anche relativamente semplice da usare.
Ed ho scelto su Amazon una piastra Elehot in ceramica e tormalina che mi è parsa corrispondere alle mie esigenze.

Vediamola da vicino...
Il design è semplice ed essenziale, abbastanza grande ma assolutamente compatta e non ingombrante (quindi perfettamente trasportabile), lo chassis è nero lucido, molto piacevole nell’aspetto.
La superficie lisciante (la piastra in senso stretto) è piuttosto ampia, il che permette di agire in maniera più rapida sulla chioma, ovvero di lavorare su ciocche più grandi.
La piastra -come dicevo in principio- è rivestita in ceramica e tormalina, materiali che la rendono più sicura per i capelli (sempre che si faccia la dovuta attenzione, quindi a meno di errori madornali da parte degli utilizzatori, questi materiali offrono minori possibilità che i capelli si sciupino o brucino), oltre che -per la mia esperienza- più efficace contro l’effetto crespo che nel caso di mia madre è assai arduo da combattere. 
Il filo è piuttosto lungo con la base rotante che non costringe a movimenti assurdi e scomodi per giocare di polso e tenere la piastra nella posizione migliore per lavorare le ciocche , quindi non dovremo stare appiccicati al muro dello specchio del bagno, ma avremo la giusta libertà di movimento per trattare comodamente tutte le aree della chioma da lavorare.
Si scalda velocemente (non ho verificato al secondo con il timer, ma sono ragionevolmente certa che impieghi meno di un minuto per raggiungere la temperatura massima).
La temperatura è regolabile dagli 80° ai 230° con un range di scarto in aumento/diminuzione di 5° (le altre piastre che ho ho provato avevano un range di 10°), per un totale quindi di 31 diverse temperature  (facilmente controllabili dallo schermo LCD), selezionabili sul fianco dell’apparecchio tramite i tasti con le freccette (equivalenti a funzione +/-).
Raggiunto il livello che avrete impostato, la piastra non si surriscalderà mai, perchè la temperatura rimane costante, riducendo ulteriormente il rischio che il calore eccessivo possa danneggiare i capelli.
Inoltre la piastra rilascia ioni negativi, tecnologia usata di frequente negli apparecchi per i capelli (per esempio per i phon), che contribuiscono al benessere dei capelli, perché riducono il rischio di sciuparli con il calore e contribuiscono alla lucentezza e morbidezza della chioma.


Come funziona…
Dovrei precisare subito: leggete bene le istruzioni nel manuale allegato, disponibili in diverse lingue, tra cui l’italiano.
Quando inseriamo la spina, noteremo che si accende un led rosso
Ora, se avrete letto le istruzioni (confessatelo pure senza pudore: le leggete di solito, prima di mettere in funzione qualunque apparecchio elettronico?), saprete che quel led acceso non indica altro che avete inserito l’apparecchio nella presa della corrente, quindi la piastra resterà in stand-by (cioè fredda).
Dunque schiacciamo il pulsante on-off e vedremo mettersi in funzione lo schermo LCD che indica la temperatura, che potete a questo punto regolare secondo le vostre esigenze (ripeto: dagli 80° ai 230°) avviata la piastra, potete regolare con le freccette +/- la temperatura desiderata, raggiunta la quale si accende il secondo led rosso.
N.B. se premete il tasto di avvio senza scegliere una specifica temperatura, l’apparecchio raggiungerà i 180° in default.
E’ dotata di dispositivo di sicurezza per cui se lasciata accesa incustodita, si spegnerà in automatico dopo 60 minuti, funzione che personalmente non ho ancora avuto modo di verificare, ma che mi è parsa utilissima in caso di distrazioni.
Nelle istruzioni troverete riportata la tabella delle temperature indicate per ogni tipo di capello, che vi riporto per praticità:
  • Capelli spessi: 210-230°C 
  • Capelli normali: 180-210°C 
  • Capelli sottili: 80-180°C 

Ricordiamo le istruzioni di base...
Poche parole per ricordarvi che per una perfetta stiratura, l'ideale è usare la piastra su capelli puliti, asciutti appena lavati, meglio ancora se preventivamente lisciati. anche sommariamente, con l'aiuto di una spazzola, sempre dividendo i capelli per aree da trattare, suddividendoli ulteriormente per ciocche con l'aiuto di pinze per capelli o dei classici becchi di cicogna.



stampa la pagina

You Might Also Like

6 commenti

  1. Anche io come la tua mamma sono rossa ed ho capelli folti e assai difficili da lavorare, la piastra è d'obbligo per renderli almeno decenti.
    La mia vecchia piastra sta tirando le cuoia, vorrei provare qualcosa del genere, vedo che la tua non costa molto.

    RispondiElimina
  2. Ho capelli superfini ed ho sempre paura di bruciarne le punte tra phon e piastra, ma vista la tua buona recensione, valuterò sicuramente l'acquisto di questa piastra..il prezzo è mooolto interessante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai il problema opposto a quello mio e soprattutto di mia madre: la piastra in questione ha il vantaggio di avere non solo la temperatura regolabile, ma a partire da 80° quindi se decidessi di provarla, tenta con le temperature più basse aumentando man mano fino a che vedrai i capelli lisciarsi come serve/piace a te, tenendosi così sempre su temperature più delicate e lavorando su ciocche piccole più facili da lavorare

      Elimina
  3. Questo dispositivo sembra davvero garantisca alte prestazioni, quasi quasi lo prendo anche io.

    RispondiElimina
  4. sai cosa mi piace di questa piastra? le ceramiche belle larghe perfette per chi ha i capelli come i nostri!!!!

    RispondiElimina
  5. Sembra davvero ottimo questo modello, inoltre il prezzo è davvero conveniente!

    RispondiElimina

Inviando il commento, accetti la POLITICA PER LA PRIVACY

Conformemente alla normativa attuale per la privacy (GDPR), ricordo che da parte dei visitatori è possibile tanto commentare scegliendo di usare un account sulla piattaforma google disponibile nel form, quanto scegliere di non lasciare alcun dato evidente utilizzando l'opzione ANONIMO o l'opzione URL/NOME nella quale si può anche indicare solo un nome (reale o di fantasia) senza indicare alcun URL
In nessun caso i dati dei visitatori saranno divulgati o venduti a terzi.

Follow me on Twitter

Like us on Facebook